Itinerari: dal lago Baratz alla spiaggia di Porticciolo in single track in MTB

Oggi torniamo a parlare di itinerari da percorrere in mountainbike, e lo facciamo grazie a Piero, un nostro amico che collaborerà con noi raccontandoci le sue avventure a due ruote.

Quello che facciamo oggi è uno dei percorsi per mountainbike più divertenti della zona di Alghero. I chilometri da percorrere ed i dislivelli non saranno tantissimi ma non faremo un metro di asfalto e ci sarà tanto da “guidare” e altro particolare avremo sempre l’acqua ad un passo, dolce o salata, quindi se qualcuno vuole fare una sosta refrigerante faccia pure!

Il percorso parte dal lago Baratz, la leggenda su questo lago dice che tra i suoi fondali si sprofondata la città di Barax, di sicuro invece sappiamo che è l’unico lago naturale d’europa, che flora e fauna la fanno da padrona e che lo potremo aggirare completamente con i suoi single e double track.

Saremo sempre all’ombra del bosco di pini che lo circonda in un continuo saliscendi “tutto curve” e noi sempre pronti a rilanciare la nostra “mtb”, con un occhio attento ai crateri, perchè a volte i cinghiali ci renderanno la guida ancora più movimentata, ma spesso riceveremo gli “applausi” delle folaghe e germani reali con il loro battito d’ali sull’acqua mentre volano al nostro passaggio.

Il giro del lago è completato, la voglia di rifarlo e tanta , ma siamo solo all’inizio, quindi imbocchiamo una sterrata , inizia con una veloce discesa  che poi si trasforma in un saliscendi a volte sabbioso e ci porta all’ intatta spiaggia di Porto Ferro. Le alte dune di sabbia, le tre torri spagnole che dominano sulla baia e le trasparenze del mare rendo il paesaggio spettacolare , la sosta per le foto e “obbligatoria” ma poi di nuovo in sella.

Prendiamo una pista sabbiosa parallela alla spiaggia, qui rapporti e velocità giusta ci permetteranno di “galleggiare” sulla sabbia e raggiungere la parte sud della spiaggia, però che divertimento , cose da deserto africano! Lasciata la spiaggia inizia la parte del percorso che noi bikers locali chiamiamo la “sala giochi” , un lungo e roccioso single track  tra la macchia mediterranea  lungo la costa, e tutto pedalabile , ma gli ingredienti per mettere alla prova le nostre capacita di guida ci saranno tutti, gradoni, strappi in salita, terreni smossi, qualche discesa da fuori sella animerà la guida! Tutto questo mentre scopriremo le numerose e selvaggie insenature della zona , sempre diverse tra loro.

Pedalando tra queste meraviglie avvisteremo la quarta e ultima torre spagnola della nostra escursione. E’ la torre che sovrasta la bianca spiaggia di Porticciolo, per oggi non proseguiremo oltre , direi che un tuffo al mare e una birra fresca ce la siamo meritata, di fronte a noi si vede l’inizio del parco di Capocaccia, e da li che inizierà la nostra prossima avventura in mountain bike.

Torre negra

Qua sotto trovate la Fotogallery completa dell’escursione:

[nggallery id=2]

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *