Skyscanner: tra i 20 siti Unesco più spettacolari d’Italia c’è anche il Villaggio Nuragico di Barumini

Alcuni giorni fa Skyscanner ha pubblicato una dei 20 siti Unesco più spettacolari d’Italia. Tra questi trova spazio anche la Sardegna, visto che nella lista figura anche il Villaggio Nuragico di Barumini.

L’Italia attualmente è la Nazione con il maggior numero di siti inclusi nella lista dei Patrimoni dell’Umanità dell’Unesco. Nel “Bel Paese” infatti sono ben 50 le meraviglie incluse tra i Patrimoni Orali e Immateriali: un record!

Ma veniamo al Villaggio Nuragico di Barumini,  del quale abbiamo già parlato sulle pagine di Sardinia Turismo in passato. Il Villaggio Nuragico di Barumini è il villaggio nuragico più grande del mondo e risale ovviamente all’età nuragica, più precisamente tra il XIII ed il VI secolo a.c. Il Villaggio si sviluppa attorno a Su Nuraxi, un nuraghe quadrilobato risalente al XVI-XIV secolo a.c. la cui struttura in blocchi di basalto è costituita da una torre centrale a tre camere sovrapposte. Successivamente, nel periodo del Bronzo tardo, vennero edificate attorno alla torre centrale altre quattro torri che sono unite tra loro da una cortina muraria (che un tempo aveva anche un ballatoio superiore oggi andato perduto). Tutte le torri trovano sblocco sul cortile interno servito da un pozzo. Come detto, a partire dal periodo del Bronzo tardo, attorno a Su Nuraxi venne edificato un villaggio nuragico destinato a ospitare la popolazione circostante. Il villaggio è composto da una cinquantina di capanne, edificate a pianta circolare tramite grossi massi murati a secco e ricoperte con tetti di forma conica in legno e frasche.

Il complesso archeologico del Villaggio Nuragico di Barumini fu interamente scavato tra il 1950 e il 1957 sotto la direzione del famoso archeologo baruminese Giovanni Lilliu che riportò alla luce questo patrimonio mondiale dell’umanità.

Villaggio Nuragico di Barumini (foto Skyscanner)

Villaggio Nuragico di Barumini (foto Skyscanner)

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *