Primavera nel Marghine, Ogliastra e Baronia – A Lodè il 30 Aprile e 1 Maggio 2016

Il 3° appuntamento dell’edizione 2016 di “Primavera nel Marghine, Ogliastra e Baronia” si svolgerà Sabato 30 Aprile e Domenica 1 Maggio 2016 a Lodè, un antico borgo della Gallura medievale, il cui territorio, principalmente collinare, appartiene alla regione storica nota come Alta Baronia. Per due giorni gli abitanti di questo caratteristico borgo della Gallura presenteranno le bellezze naturali e il patrimonio storico e artistico del paese raccontando la storia e la lunga tradizione di questo territorio. Sarà un’esperienza di intense emozioni in cui la memoria e l’identità della Sardegna verranno fatte rivivere attraverso i sapori e nell’incontro delle persone che con maestria custodiscono l’arte degli antichi mestieri ed i saperi di grande fascino che il visitatore può scoprire in Primavera.

Il paese di Lodè, che appartiene alla Provincia e alla Diocesi di Nuoro, è un piccolo borgo di circa 1.770 abitanti che si estende su una superficie di 123,45 chilometri quadrati compresi tra i 16 e i 1.057 metri sul livello del mare, con un’escursione altimetrica pari a 1.041 metri che offre ai visitatori diverse sfaccettature paesaggistiche. Il territorio comunale è prettamente collino-montagnoso fatta eccezione le fertili zone a sud del paese bagnate dal Riu Mannu. A est il Montalbo fa da confine naturale con il comune di Siniscola, a sud nello stesso monte Montalbo troviamo i comuni di Lula e Onanì. Gli altri comuni confinanti sono, ad ovest il comune di Bitti e a nord bagnato dal lago Maccheronis il comune di Torpè, e a nord il comune di Padru e Alà dei Sardi. La fauna, un tempo, era incredibilmente ricca e varia. Intorno agli anni ’50 scompariva il cervo; oggi rimane invece una piccola colonia di mufloni cui si accompagnano, nelle zone più riposte, martore, ghiri, cinghiali, gatti selvatici, ghiandaie, colombacci e pernici. Nei più inaccessibili anfratti trovano riparo numerosi rapaci quali gheppi, sparvieri, astori, poiane e falchi pellegrini affiancati da saltuarie apparizioni di grifoni ed aquile reali.  La restante avifauna è principalmente costituita da cornacchie grigie, corvi imperiali e passeracei quali calandre, cardellini, strillozzi, pettirossi, passere sarde e magnanine. La flora è composta nella parte più intatta del Montalbo da foreste di leccio, orniello, tasso, ginepro, fillirea, acero minore. A questi, si alternano zone di rigogliosa macchia di cisto, erica, ginepro, corbezzolo ed euforbia , rifugio spesso di numerose piante endemiche. Nei luoghi più riposti e freschi, si trovano invece splendidi esemplari secolari di acero minore. Il paese è ricco di acqua grazie alla vicinanza del Rio Mannu, con la cascata di Sos Golleos , che ha favorito l’economia agro-pastorale su cui da sempre si basano le attività del paese. Suggestive le tipiche case in pietra , decorate con i caratteristici balconi in legno. Sempre in legno sono i pochi esemplari di pinnettu , vecchie capanne-rifugio dei pastori.

Per gli amanti del trekking si consigliano gli itinerari che portano a Punta Cupetti, da cui si domina l’altopiano S’Ena ‘e Cupetti e le foreste della zona. Da visitare, il nuraghe Sa Mela , sul Monte Prana, e alcune tombe di giganti e diverse domus de janas che gli abitanti chiamano “Sas calas ‘e sos naneddos”, ossia le piccole grotte dei nani. Dal Monte Prana è possibile scorgere le fondamenta degli antichi villaggi di Sos Lothos e Thilameddu.

Da un punto di vista storico le più antiche testimonianze archeologiche nel territorio di Lodè risalgono almeno al Neolitico Recente. Sono presenti, infatti, 5 domus de janas chiamate a Lodè “Calas de sos naneddos”, un menhir, una tomba dolmenica e un’allèe couverte. Di epoca nuragica sono invece le diverse tombe dei giganti presenti nel territorio , un proto nuraghe e tre nuraghi di cui quello di Polilobato di Thorra è ancora in buono stato di conservazione. Altri insediamenti nuragici sono presenti nelle aree di: Sa Ichedda, Sas Seddas, Su Casteddu, Su Mattone, Thilameddu e Sos LothosI più antichi documenti scritti su Lodè risalgono al 1100 circa, periodo in cui la Sardegna era suddivisa in quattro regni chiamati Judikatos (da Judiche, “re”): Giudicato di Gallura, Giudicato d’Arborea, Giudicato di Torres e Giudicato di Cagliari. La Villa (centro abitato) di Lodè faceva parte del Giudicato di Gallura e compare nei documenti in cui Innocenzo II (1135) e Onorio III (1238) confermarono la donazione della corte di S. Andrea di Lata o Late fatta dal giudice Costantino di Gallura ai monaci Vittorini.

Lodè è un borgo ricco di tradizioni popolari che si caratterizza per la vivacità delle sue feste, dove il sacro e il profano s’intrecciano e danno luogo ad una esaltazione del senso comunitario e partecipativo della popolazione. La festa più tipica è sicuramente “Sant’Antoni ‘e su ‘ocu” nel corso della quale i bambini del paese vanno di casa in casa a ricevere i doni che le donne hanno preparato per l’occasione: calistros , arantzos e dolci vari. Nel frattempo i ragazzi si recano nelle campagne circostanti a raccogliere le frasche (s’erimu) che collocheranno attorno a sa pompia, un tronco d’albero posto al centro della piazzetta Sant’Antonio. Nel tardo pomeriggio, immediatamente dopo la S. Messa, le frasche sono accese, il parroco benedice il fuoco e dà il via alla gara che coinvolge i giovani che devono raggiungere la cima di un lungo palo per prendere i premi in palio. La serata si conclude con balli tradizionali e banchetti all’aperto offerti a tutti i partecipanti. Ricca è anche l’enogastronomia locale , con una tradizione panificatrice ampia e variegata di pasta e di dolci.

Per maggiori informazioni visitate la pagina del paese di Lodè sul sito ufficiale della manifestazione: Lodè – Cuore della Sardegna

Primavera nel Marghine, Ogliastra e Baronia – A Lodè il 30 Aprile e 1 Maggio 2016

Primavera nel Marghine, Ogliastra e Baronia – A Lodè il 30 Aprile e 1 Maggio 2016

Ecco qua di seguito il programma di Primavera nel Marghine, Ogliastra e Baronia a Lodè:

Primavera nel Marghine, Ogliastra e Baronia – A Lodè il 30 Aprile e 1 Maggio 2016

Primavera nel Marghine, Ogliastra e Baronia – Programma

Dove si trova il paese di Lodè:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *