#Girotonno 2016, Carloforte dal 2 al 5 Giugno: l’antica tradizione e la cultura del tonno in un angolo di paradiso nel Sulcis Iglesiente

Mancano poche ore all’inizio dell’edizione 2016 del Girotonno, una manifestazione che per 4 giorni affronterà uno stupendo viaggio tra cultura, arti, enogastronomia, musica e spettacolo, mettendo in primo piano l’antica tradizione e la cultura del tonno in un angolo di paradiso nel Sulcis Iglesiente, a Carloforte, in Sardegna. Sono moltissimi gli eventi in programma che dal 2 al 5 Giugno 2016 animeranno questo delizioso paese dell’isola di San Pietro, come la  Tuna Cuisine Competition, una spettacolare gara gastronomica internazionale tra chef di sei nazioni, il Girotonno Live Cooking, ovvero il momento in cui degli chef nazionali ed internazionali preparano in diretta e fanno degustare al pubblico le loro originali creazioni a base di tonno rosso ed infine il Girotonno Live Show, gli spettacoli che ogni sera animeranno il palco del Girotonno, al Campo Sportivo di Carloforte, con grandi artisti che si esibiranno in concerti di musica dal vivo.

Il Territorio

Il Sulcis-Iglesiente è una regione storica della Sardegna sud-occidentale. Con la sua millenaria geologia, la regione conserva una ricchezza del sottosuolo che ne ha fatto per secoli l’area più importante del Mediterraneo. Oggi la zona rappresenta senz’altro la meta ideale per tutti quei turisti che vogliono abbinare al classico soggiorno balneare la scoperta di luoghi carichi di cultura derivante da un passato ricco di storia. La costa del Sulcis Iglesiente si sviluppa su una superficie di 200 km che alterna splendide scogliere a spiagge dalla sabbia bianca finissima. Si caratterizza per il suo mare cristallino circondato da un paesaggio spesso incontaminato e selvaggio. Ecco di seguito un elenco di alcune delle principali località balneari della zona. Ma la bellezza di un’isola come la Sardegna non deriva esclusivamente dagli splendidi fondali marini e dalle bianchissime spiagge che dominano l’intera zona, perchè esiste anche una natura selvaggia e spesso incontaminata che circonda queste acque e che contribuisce a formare un magico connubio che rende particolarmente suggestivo l’intero paesaggio. E non va sottovalutato l’aspetto culturale di questa terra, perchè il Sulcis Iglesiente è ricco di storie e di tesori dallo straordinario valore culturale. In particolare in tutta questa splendida zona si concentra un esteso patrimonio minerario, oggi tutelato dall’Unesco, che ha rappresentato il cuore delle attività minerarie degli ultimi secoli in tutta Italia.

Girotonno Live Show – Gli spettacoli

Sul palco del Campo Sportivo di Carloforte sono in programma diversi spettacoli. Apriranno le danze i Tazenda che il Giovedì 2 Giugno 2016 alle ore 21.30 renderanno omaggio ad Andrea Parodi con un concerto ad ingresso libero. Venerdì 3 Giugno 2016 alle ore 21.30 sarà la volta di Mario Biondi che emozionerà il pubblico con il suo soul jazz caldo e passionale (ingresso a pagamento). Sabato 4 Giugno 2016 alle ore 21.30 toccherà invece ad Antonello Venditti che porterà a Carloforte il suo spettacolo (anche in questo caso l’ingresso è a pagamento). Nella giornata conclusiva, Domenica 5 Giugno 2016, alle ore 21 andrà in scena lo spettacolo Isola in Festa, un evento di musica, spettacolo, enogastronomia e folklore condotto da Giuliano Marongiu.

Live Cooking

Per quanto riguarda il Live Cooking Giovedì 2 Giugno andrà in scena Tonno Tonnato, un talk food con degustazione a cura dello chef Claudio Sadler con la conduzione di Andy Luotto ed Eliana Chiavetta. Venerdì 3 Giugno spazio a “Il cous cous con il ragù di tonno, la menta, la cannella e la sua bottarga“, un talk food con degustazione a cura dello chef Filippo La Mantia con la conduzione Andy Luotto ed Eliana Chiavetta. Sabato 4 Giugno salirà sul palco il famoso Luigi Pomata con “Il tonno va nei boschi“, un talk food con degustazione a cura dello condotto sempre da Andy Luotto ed Eliana Chiavetta. Nella giornata conclusiva, Domenica 5 Giugno, sarà volta di Andy Luotto che presenterà “Zuppetta italiana fredda con tonno italiano freddo“, un talk food con degustazione condotto da Eliana Chiavetta. Si chiuderà infine con il Live Cooking Copy a cura dello chef Claudio Colombo che si esibirà in un talk food con degustazione condotto sempre da Andy Luotto ed Eliana Chiavetta.

Il programma è ricchissimo di eventi. Per l’elenco completo potete visitare la pagina web ufficiale della manifestazione: Programma Girotonno 2016

XIV edizione del Girotonno - A Carloforte dal 2 al 5 Giugno 2016

XIV edizione del Girotonno – A Carloforte dal 2 al 5 Giugno 2016

Il Tonno, il corridore dei mari

Chiudiamo dando spazio al Tonno, il corridore dei mari, il vero protagonista della manifestazione. La pesca del tonno a Carloforte si realizza con le reti secondo una pratica utilizzata in Sardegna già da Fenici, Romani e perfezionata nel Quattrocento dagli Spagnoli. La mattanza è un vero e proprio rituale strategico, una battaglia che si combatte in mare tra uomo e animale, nei mesi da aprile a giugno. Inizia con una preghiera propiziatoria dei tonnarotti (circa una quarantina) indirizzata alla Madonna e con un Credo dedicato allo Spirito Santo affinché giunga la Provvidenza e “na bugna pesca”, una pesca ricca del tonno prelibato di queste zone: il Thunnus thynnus (tonno rosso), il più pregiato del Mediterraneo e l’unico che ancora oggi viene pescato secondo le regole di un’antica tradizione, lunga cinquecento anni, quello della pesca di mattanza.

La tonnara a Carloforte è oggi l’unica ancora attiva nel Mediterraneo e, sin dall’Ottocento, pesca e lavora secondo metodi artigianali i cosiddetti “tonni di corsa”, dalle carne rossa e grassa. I pesci arrivano in grandi banchi dall’Atlantico per depositare le uova in un ambiente più caldo (temperatura superficiale tra i 22-23 gradi). Il muoversi in gruppo rende dunque le loro rotte facilmente prevedibili. I tonni, che si trovano in alto mare, vengono perciò costretti a entrare nella prima “grande camera”. A questo punto, non essendo in grado di tornare indietro, si perdono nelle camere vicine, disposte in fila e comunicanti fra loro per mezzo di porte costituite da un sistema di reti fisse. Quando il rais (il capo della tonnara) ritiene che il numero di tonni presente sia sufficiente, se le condizioni meteorologiche sono favorevoli, dalla sua piccola barca, la “musciara”, fornisce le istruzioni necessarie perché i tonni vengano indotti ad entrare nella “camera della morte”, dove restano inevitabilmente intrappolati.

Questi poderosi predatori pelagici si caratterizzano per il colore blu-nerastro sulle parti superiori (ecco sono noti anche con il nome Bluefin Tuna), grigiastro con macchie argentee sulle laterali, biancastro sulla regione inferiore. Le loro carni, dalle elevate caratteristiche nutritive, sono invece rosse per via del sistema dei vasi sanguigni particolarmente sviluppati nella pelle e nei muscoli laterali del tronco. Frequentano soprattutto le acque al largo e si avvicinano alle coste solo in determinati periodi, come avviene ad esempio durante la riproduzione. La temperatura elevata delle acque del Mediterraneo infatti sviluppa le ghiandole sessuali degli animali che, proprio in questo ambiente, durante il periodo estivo, depositano le loro uova.

Il tonno rosso è particolarmente apprezzato dagli chef di tutto il mondo e in particolare in Giappone, ogni anno, si consumano all’incirca tre quarti di tutto il pescato mondiale di questa specie, purtroppo in via di estinzione. Non a caso il Parlamento Europeo ha approvato un regolamento a protezione di questa particolare specie di tonno assegnando ad ogni paese membro una quota di cattura per evitare un eccessivo prelievo di esemplari e per scongiurare così il pericolo di estinzione della specie.

Dove si trova Carloforte:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *