Oltre la Nuova Agenda Urbana – A Sassari mercoledì 21 dicembre 2016

Mercoledì 21 dicembre 2016 alle ore 15.30 si svolgerà a Sassari, presso il centro culturale “L’Ultimo Spettacolo”, un incontro dal titolo “Oltre la Nuova Agenda Urbana“. Interverranno i professori Arnaldo Cecchini e Domenico D’Orsogna ed i dottrandi Nadja Beretic della Facoltà di Architettura di Belgrado e Giovanni Campus del Dipartimento di Architettura di Sassari.

Ecco qua di seguito il comunicato stampa relativa all’evento che si svolgerà in Corso Trinità 131 a Sassari.

Agenda” è il termine latino che indica le “cose da fare“. Scrivere dunque o, come si dice, “dettare” un’agenda, non basta. Restano dopo le cose da fare. Ma chi deve fare le cose? La Nuova Agenda Urbana siglata a Quito, in Ecuador, lo scorso mese di novembre nel corso della Conferenza “Habitat III”, vuole chiamare non solo gli Stati e i governi, ma anche tutti noi a una serie di “compiti”.

Al percorso di costruzione della nuova agenda, un documento importantissimo, che avrà valore ventennale ma le cui sorti sono legate alla fortuna degli organismi sovranazionali che l’hanno promossa, hanno dato in qualche modo un contributo anche le nostre forze locali, a partire dal Dipartimento di Architettura, Design e Urbanistica dell’Università degli Studi di Sassari, con sede ad Alghero, che con la collaborazione del DECA master (master in diritto ed economia della cultura delle arti) e di molti altri soggetti ha dato vita nello scorso febbraio all’incontro “The City We Need: Open for Art“.

L’intenzione dichiarata è stata fin dal principio quella di unirsi a quelle poche voci fuori dal coro che hanno voluto portare l’attenzione sul ruolo della cultura (e in questo caso delle arti) nel processo di costruzione delle comunità. Quanto gli sforzi in questa direzione possono dirsi riusciti? Quanto questa “nuova agenda” rappresenta realmente un cambiamento rispetto al passato?

La riprova della rilevanza di appuntamenti come “Habitat III” è nel fatto che la grande industria e la finanza non mancano mai di farvi sentire la loro voce, cercando di influenzarne i risultati; ma anche i governi nazionali sono in essi parte in causa, cercando di difendere attraverso di essi le proprie prerogative: la voce delle comunità è spesso un “terzo incomodo” che in vari modi può lavorare insieme o a lato di questi processi, ma non può ignorarli.

Dichiarazioni di portata generale – come quelle contenute nella Nuova Agenda Urbana – ci riguardano tutti per almeno due serie di motivi: in primo luogo, sono utili per le istanze delle comunità locali che non vedono riconosciuti i propri diritti o le proprie aspirazioni e che possono trovare in esse la formulazione condivisa di alcuni principi da far valere anche di fronte alle autorità locali; in secondo luogo, le disposizioni nazionali e locali in materia di politiche urbane tenderanno negli anni a usare questi documenti come fonte d’ispirazione per iniziative legislative e amministrative – conformandosi – magari solo formalmente – alle linee guida e obiettivi ratificati a livello internazionale.

Per questi motivi è una buona cosa conoscere da subito i contenuti di questa “agenda“, ma anche il processo che l’ha generata.

Ma raccontare il processo è anche entrare nel merito di come sono maturate le scelte fatte, evidenziando il rapporto fra il contesto locale e quello globale. Se un tema universale esiste, questo è probabilmente l’attenzione alle specificità locali, infatti, e anche riallacciare l’Agenda al suo processo di costruzione, non disperdendo le forze che in esso sono convenute, è un modo per guardare oltre di essa, verso quella che nelle stanze dei bottoni si chiama “fase di implementazione”.

Nel corso dell’incontro sarà possibile ascoltare anche il racconto in prima persona della conferenza Habitat III da parte di Nadia Beretic, presente a Quito in rappresentanza del Dipartimento di Architettura. Interverranno inoltre Giovanni Campus, dottorando presso lo stesso dipartimento, project leader della conferenza Open for Art di febbraio, in una discussione con le voci dell’urbanistica e del diritto portate da Arnaldo “Bibo” Cecchini, docente di tecnica e pianificazione urbanistica ad Alghero, e di Domenico D’Orsogna, giurista e direttore del DECA master.

Oltre la Nuova Agenda Urbana - A Sassari mercoledì 21 dicembre 2016

Oltre la Nuova Agenda Urbana – A Sassari mercoledì 21 dicembre 2016

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *