Primavera nel cuore della Sardegna: il 22 ed il 23 aprile 2017 a Orosei

Sabato 22 e domenica 23 aprile a prenderà il via l’edizione 2017 della manifestazione Primavera nel cuore della Sardegna con due appuntamenti assolutamente da non perdere. Uno di questi è quello di Orosei, un paese di circa 7.000 abitanti adagiato nella valle del fiume Cedrino, a pochi passi dal mare. Qui avrà inizio a quello che sarà un viaggio tra le bellezze naturali ed il patrimonio storico e artistico che raccontano la storia e la lunga tradizione del Marghine, dell’Ogliastra e della Baronia.

Il paese di Orosei è un comune che sorge in provincia di Nuoro, nell’antica subregione storica delle Baronie, incastonato tra grandi pinete, macchia mediterranea e scogli di granito rosa e basalto. Il suo territorio ha un’estensione costiera di ben 14 chilometri, lungo i quali si trovano spiagge dalla sabbia finissima (Marina di Orosei, Su Barone, Osala, Cala Ginepro, Sas Linnas Siccas, Bidderosa, Sa Curcurica), alcune delle quali sono state premiate col prestigioso conferimento delle cinque vele da parte di Legambiente. I suoi fondali rappresentano una forte attrazione per gli appassionati delle attività subacquee e, a circa due miglia dalla costa, si trova il relitto del KT 12, un cargo armato tedesco della Seconda Guerra Mondiale. La stretta piana costiera nella quale si trova il centro abitato lascia intorno ad essa spazio ad una serie di colline di media altezza, tra le quali spicca il rilievo del monte Tuttavista (805 metri), che divide Orosei da Galtellì.

Secondo alcuni scritti di epoca romana, la provenienza etimologica del nome Orosei è da attribuirsi agli Esaronensi, tribù nuragica che popolava la Sardegna e la Corsica nell’antichità. Il geografo greco Tolomeo fu invece il primo a menzionare questo centro in una delle sue opere, denominando la stazione romana presente all’epoca col nome di Fanum Orisi. Il centro urbano, sempre di origine romana, fu fondato intorno al II secolo d.C. in virtù della sua posizione geografica strategica nella costa centro orientale dell’Isola, con sbocco sul Tirreno. Orosei ebbe poi un grande sviluppo economico e demografico in epoca giudicale a partire dal XII secolo, divenendo la più importante sede della curia del Giudicato di Gallura, con il nome di Urisè. Nel 1288 Orosei entrò a far parte dei possedimenti d’oltremare della Repubblica di Pisa e nel periodo pisano il centro visse una delle parentesi più importanti e significative della sua storia, grazie alla presenza di un efficiente porto gestito da una colonia di mercanti che fecero edificare anche la chiesa campestre di Santa Maria del Mare, teatro della omonima e caratteristica festa che si celebra l’ultima domenica di maggio. Dal 1324 Orosei entrò a far parte del Regno Aragonese di Sardegna, mentre nel 1449 la zona fu acquistata dal barone Don Salvatore Guiso che si trasferì dal castello di Pontes, situato a Galtellì, ad Orosei, dando inizio alla costruzione dei famosi palazzi signorili nel centro storico ancora oggi presenti e ben conservati. L’abitato è stato più volte soggetto di attacchi pirateschi e una figura leggendaria nella lotta contro le invasioni dal mare fu rappresentata da Tomasu Mojolu, che nel 1806 guidò la resistenza contro un attacco turco, respingendo circa 1000 uomini saraceni insieme al resto della popolazione.

Il centro storico di Orosei conserva le tracce del suo passato di borgo fortificato nel caratteristico quartiere di Palattos Betzos, che si estende nel cuore dell’abitato attorno alla torre, unico elemento dell’antico castello tuttora rimasto. Lungo le vie del quartiere si affacciano i numerosi palazzi gentilizi del XVI e del XVII secolo, che furono le residenze delle più importanti famiglie nobili della Baronia. Il castello nacque invece come fortezza e fu edificato dai giudici di Gallura allo scopo di difendere le attività portuali che si svolgevano nel tratto terminale del Cedrino. Nel corso delle guerre tra la Corona di Aragona ed il Giudicato di Arborea cadde poi in mani arborensi e vi rimase fino alla fine del giudicato nel 1409. Nel corso del XV secolo, cessate le sue funzioni militari, fu abbandonato e cadde rapidamente in rovina. Successivamente fu invece utilizzato come carcere baronale, denominato Sa Prejone Vezza.

All’interno del proprio territorio Orosei possiede ben 27 chiese. A fianco alla torre si trova la chiesa di Sant’Antonio Abate, costruita a metà del XIV secolo in forme tardo romaniche e al cui interno restano tracce di un importante ciclo di affreschi con figure del Cristo e dei Santi, mentre all’esterno si trova il suggestivo cortile circondato dalle cumbessìas. A poca distanza, nella Piazza del Popolo, si affaccia la chiesa di San Giacomo, una delle più importanti cattedrali barocche della Sardegna, risalente al XIV secolo. La chiesa di Santa Maria del Mare sorge in prossimità del fiume Cedrino e fu costruita nel XII secolo in forme romaniche da un gruppo di mercanti pisani ed intitolata a Santa Maria de Pisis. Restaurata dalla famiglia baronale dei Guiso, la chiesa ospita l’omonima festa che si celebra l’ultima domenica di maggio con una processione che porta una statua della Madonna del Mare fino al ponte sul Cedrino. Tra gli altri edifici più importanti troviamo anche Su Probanu (il pievano), palazzo nobiliare settecentesco, e Su Monte Granaticu, edificio risalente al 1739: originariamente doveva essere la chiesa del convento delle monache cappuccine, ma in realtà dalla fine del Settecento diventò il deposito dei cereali coltivati dai contadini.

A Orosei sono presenti molteplici testimonianze dell’epoca nuragica, tra cui il complesso di Sa Linnarta che comprende il nuraghe Osana e l’omonimo pozzo sacro. In questo suggestivo contesto ambientale troviamo anche l’oasi faunistica di Bidderosa, una riserva naturale composta da una bellissima pineta che fa da cornice a cinque splendide calette, mete ambite del turismo balneare.

Per maggiori informazioni sul paese di Orosei visitate la pagina ed esso dedicata sul sito ufficiale della manifestazione: Orosei- Cuore della Sardegna

Primavera nel cuore della Sardegna: il 22 ed il 23 aprile 2017 a Orosei

Primavera nel cuore della Sardegna: il 22 ed il 23 aprile 2017 a Orosei

Ecco qua di seguito il programma completo della manifestazione:

Sabato 22 aprile 2017

ORE 10:30 Apertura cortes
DALLE ORE 10:30 PER TUTTO IL GIORNO – Laboratorio sulla preparazione della birra.
– Corte n° 11
ORE 16 Canti e balli tradizionali itineranti con i cori e i gruppi folk locali.
– Partenza corte n° 1 Monte Granaticu
ORE 16:30 Dal grano al pane, laboratorio con la partecipazione della scuola dell’infanzia Gollai.
– Corte n° 1 Monte Granaticu
ORE 17 Dal Latte al Formaggio, laboratorio con la partecipazione della scuola dell’infanzia Gollai.
– Corte n° 12 Ex Finanza
ORE 18 Degustazione guidata dell’olio extravergine di oliva locale: evento a numero chiuso con iscrizione gratuita presso l’info point in piazza del Popolo 14.
– Corte n° 9 Su Probanu
ORE 20:30 Balli in piazza con Giampaolo Piredda e gli allievi della Scuola Civica di Musica.
– Piazza Sas Animas

Domenica 23 Aprile 2017

ORE 10:30 Apertura cortes
DALLE ORE 10:30 PER TUTTO IL GIORNO – Laboratorio sulla preparazione della birra.
– Corte n° 11
ORE 10:40 Degustazione guidata del miele locale: evento a numero chiuso con iscrizione gratuita presso l’info point in piazza del Popolo 14.
– Corte n° 12 Ex Finanza
ORE 11:30 Degustazione guidata dell’olio extravergine di oliva locale: evento a numero chiuso con iscrizione gratuita presso l’info point in piazza del Popolo 14.
– Corte n° 9 Su Probanu
ORE 12 Dimostrazione della lavorazione della mezzena del vitello e spiegazione tagli anatomici.
– Punto Ristoro n° 7
ORE 16 Canti e balli della tradizione itineranti con cori e gruppi folk locali.
– Partenza corte n° 9 Su Probanu
ORE 16 Degustazione guidata dei vini locali: evento a numero chiuso guidato da esperti enologi con iscrizione gratuita presso l’info point in piazza del Popolo 14.
– Corte n° 2 Museo Casa Soddu
ORE 16:30 Dal grano al pane, laboratorio con la partecipazione della scuola dell’infanzia Gollai.
– Corte n° 1 Monte Granaticu
ORE 17 Dal Latte al Formaggio, laboratorio con la partecipazione della scuola dell’infanzia Gollai.
– Corte n° 12 Ex Finanza
VISITE AL PAESE – Visita guidata del centro storico, con soste programmate presso i monumenti e le corti storiche in concomitanza con i laboratori e le degustazioni.

Dove si trova Orosei:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *