Primavera nel Cuore della Sardegna a Lodè – 5 e 6 maggio 2018

Sabato 5 e domenica 6 maggio 2018 non perdetevi l’appuntamento con Primavera nel Cuore della Sardegna a Lodè. In questo primo weekend del mese di maggio Primavera nel Cuore della Sardegna, la manifestazione itinerante che porta i visitatori alla scoperta di paesi delle subregioni di Marghine, Ogliastra e Baronia, farà tappa a Lodè. Ogni weekend infatti sarà possibile seguire un itinerario di grande fascino nei borghi e nei tipici centri del Cuore della Sardegna, andando alla scoperta della memoria e dell’identità della Sardegna.

Durante Primavera nel Cuore della Sardegna a Lodè i visitatori potranno andare alla scoperta delle tradizioni di questo stupendo borgo della Sardegna, trai sapori della cucina tradizionale e dei saperi degli antichi mestieri,

Geografia

Lodè è un antico borgo della Gallura medievale di circa 1.700 abitanti, il cui territorio, principalmente collinare, appartiene alla regione storica nota come Alta Baronia. Il paese è compreso tra la catena calcarea del Montalbo e i monti granitici di Bitti, Buddusò e Alà dei Sardi. Quindi il territorio comunale è prettamente collino-montagnoso fatta eccezione le fertili zone a sud del paese bagnate dal Riu Mannu. Il paese è ricco di acqua grazie non solo alla vicinanza del Rio Mannu, ma anche della cascata di Sos Golleos  che ha favorito l’economia agro-pastorale su cui da sempre si basano le attività del paese.

Per gli amanti del trekking si consigliano invece gli itinerari che portano a Punta Cupetti, da cui si domina l’altopiano S’Ena ‘e Cupetti e le foreste della zona. Da visitare, il nuraghe Sa Mela, sul Monte Prana, e alcune tombe di giganti e diverse domus de janas che gli abitanti chiamano “Sas calas ‘e sos naneddos”. Dal Monte Prana inoltre è possibile scorgere le fondamenta degli antichi villaggi di Sos Lothos Thilameddu.

Storia

Le più antiche testimonianze archeologiche nel territorio di Lodè risalgono almeno al Neolitico Recente (IV millennio a.C.). Sono presenti, infatti, 5 domus de janas chiamate a Lodè “Calas de sos naneddos”un menhiruna tomba dolmenica un’allèe couverte. Di epoca nuragica sono invece le diverse tombe dei giganti presenti nel territorio, un proto nuraghe tre nuraghi di cui quello di Polilobato di Thorra. Altri insediamenti nuragici sono presenti nelle aree di: Sa Ichedda, Sas Seddas, Su Casteddu, Su Mattone, Thilameddu e Sos Lothos.

I più antichi documenti scritti su Lodè risalgono probabilmente al 1100 circa. Le notizie certe su Lodè iniziano in seguito al 1323 quando la Sardegna, ad eccezione del giudicato d’Arborea, cade nelle mani dei Catalano-Aragonesi.

Cultura

Studi recenti sul centro storico di Lodè hanno evidenziato la presenza di tre tipologie abitative: abitazione monocellulare, costituita da un unico vano che fungeva da cucina, camera da letto e che spesso ospitava anche animali da cortile; sottotipo collinare, formata da due stanze, cucina al pian terreno e una stanza al piano superiore collegata da una scala interna. Suggestive le tipiche case in pietra, decorate con i caratteristici balconi in legno. Sempre in legno sono i pochi esemplari di pinnettu, vecchie capanne-rifugio dei pastori.

Ricco di tradizioni popolari, Lodè si caratterizza per la vivacità delle sue feste, dove il sacro e il profano s’intrecciano e danno luogo ad una esaltazione del senso comunitario e partecipativo della popolazione. La festa più tipica è sicuramente “ Sant’Antoni ‘e su ‘ocu”.

Ricca è anche l’enogastronomia locale, con una tradizione panificatrice ampia e variegata (pane carasatu, sos calistros, sìmula, cotzulas ecc.), di pasta (macarrones de erritu, de pòddighe, pistizone, trìvias ecc), e di dolci (uruglietas, arantzata, gathas ecc).

Per maggiori informazioni sul paese di Bortigali è possibile consultare le pagina di Primavera nel Cuore della Sardegna a Lodè: Lodè – Cuore della Sardegna

Primavera nel Cuore della Sardegna a Lodè - 5 e 6 maggio 2018

Primavera nel Cuore della Sardegna a Lodè – 5 e 6 maggio 2018

Ecco qua di seguito i programma di Primavera nel Cuore della Sardegna a Lodè:

ENTRAMBI I GIORNI DALLE ORE 10

Apertura delle cortes e delle domos: le vie del centro storico si riempiono di musiche, colori e profumi e rivivono gli antichi saperi e sapori
tramandati di generazione in generazione.

CUCINA E PRODOTTI LOCALI

DOMENICA 6 MAGGIO DALLE ORE 11
Laboratorio dedicato ai bambini per la lavorazione del formaggio, a cura del tecnico casaro Mario Cuccu.
– Bar Skipper, via Ss. Annunziata

ENTRAMBI I GIORNI

DALLE ORE 10
Laboratorio di preparazionede sas gathas, a cura di Marchesa Sanna, Maria Farris e Maria Rosa Sanna.
– Corte de Tziu Maureddu de Tzirigliu, via Municipio

DALLE ORE 10
Laboratorio sa cotta de sas casatinas, a cura di Piera Spanu.
– Domo de Agatedda de Carola, via Galileo

DALLE ORE 10 ALLE 12
Laboratorio di preparazione del pane tipico su coccone.
– Ristorante-Pizzeria Su Recreu, piazzetta S. Antonio

DALLE ORE 11 ALLE 14 E DALLE 17:30 ALLE 21
Laboratorio per la lavorazione del formaggio, a cura dell’azienda Casu ‘e Babbu, con la partecipazione del tecnico casaro Mario Cuccu.
– Bar Skipper, via Ss. Annunziata

DALLE ORE 11:30
Degustazione di piatti tipici locali: pecora in umido e formaggio arrosto Casu ‘e Babbu.
– Bar Skipper, via Ss. Annunziata

DALLE ORE 12 ALLE 14:30 E DALLE 18:30 ALLE 22:30
Degustazione di piatti tipici locali: maccarrones de poddighe e sa manicatura.
– Locali Su Purgatoriu, via Rimedio

DALLE ORE 14:30 ALLE 17
Laboratorio di preparazione de sas seatas, a cura di Marchesa Sanna, Maria Farris e Maria Rosa Sanna.
– Corte de Tziu Maureddu de Tzirigliu, via Municipio

DALLE ORE 15 ALLE 16
Laboratorio di preparazione del pane tipico sos calistros, a cura di Antonella Fronteddu.
– Domo de tzia Rofoella, via Cavallotti
Presentazione e degustazione di prodotti tipici locali

ARTIGIANATO E TRADIZIONI

SABATO 5 MAGGIO DALLE ORE 10
Esposizione dei lavori realizzati dalla ludoteca comunale anche con la tecnica della pittura e del decoupage, a cura della ludoteca comunale.
– Domo de tziu Antoni Serra, via Municipio

DOMENICA 6 MAGGIO DALLE ORE 10
Esposizione di abbigliamento tradizionale maschile e femminile (berretti, pantaloni in velluto, gonne, scialli e anche camicie), a cura di Lidia Cucca.
– Piazza Villanova

ENTRAMBI I GIORNI DALLE ORE 10
Laboratorio di intreccio dei cestini, a cura di Antonello Farris.
– Domo de tziu Juanne Allegria, via Lamarmora
Laboratorio di lavorazione della lana, a cura dell’agriturismo e fattoria didattica Su Cunzatu de Vitale.
– Domo de tziu J
Esposizione di lavori in legno: maschere tradizionali della Sardegna e altri lavori di artigianato sardo, a cura di Giuseppe Nanu.
– Sa Calzuleria de Juanne Dea, via Dante
Laboratorio di lavorazione del ferro battuto Su mastru erreri con esposizione dei prodotti finiti; inoltre esposizione di lavori in legno e bottiglie rivestite in sughero, a cura di Pasqualino Farris.
– Domo de tzia Franzischedda Mele, vico Rimedio
Esposizione di lavori in macramè, uncinetto, punto croce e anche carta da riciclo, a cura di Maria Antonietta Deiana.
– Bar del Corso, corso Villanova
Esposizione di lavori realizzati all’uncinetto e di lavori realizzati con la carta da riciclo, a cura di Albertina e Patrizia Asole.
– Domo de Santicu, via Caserma

MOSTRE ED ESPOSIZIONI

ENTRAMBI I GIORNI DALLE ORE 10 ALLE 13:30 E DALLE 14:30 ALLE 20:30
A cura del Comune di Lodè:
∙ Mostra di fotografia naturalistica Parco Tepilora.
∙ Esposizione foto storiche di Lodè.
∙ Mostra storica Lodè in sos documentos de archiviu: raccolta di documenti su fatti e vicende storiche di Lodè relativi ai secoli XIV e XV, con contributi degli archivi storici di Barcellona.
– Sa domo in sa rocca
Esposizione oggetti ed arnesi de La vita contadina e pastorale.
– Domo de tzia Rofoella

Primavera nel Cuore della Sardegna a Lodè, ecco quindi dove si trova il paese:

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *