Girotonno: dal 22 al 25 giugno 2017 a Carloforte, sull’Isola di San Pietro

Dal 22 al 25 giugno 2017 si svolgerà a Carloforte la 15^ edizione del Girotonno, la manifestazione che vuole valorizzare l’antica tradizione e la cultura millenaria del tonno. La location per questo evento di caratura internazionale sarà come sempre la città di Carloforte, in un angolo di paradiso nel Sulcis Iglesiente, nel sud della Sardegna.

A Carloforte i visitatori potranno assistere a quattro giorni di cultura, arte, enogastronomia, musica e spettacolo. Nel corso delle giornate sarà possibile assistere alla Tuna Cuisine Competition, al Girotonno Live Cooking ed al Girotonno Live Show. Sarà inoltre possibile passeggiare tra gli stand del Girotonno Tuna Village, sulla banchina Mamma Mahon, per degustare i piatti tipici del territorio. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

Tuna Cuisine Competition

Una spettacolare gara gastronomica internazionale alla quale partecipano chef provenienti da 6 paesi: Francia, Italia, Inghilterra, Mauritius, Perù e Giappone. E’ il fulcro del Girotonno, e naturalmente avrà alla base la preparazione di ricette a base di tonno rosso. A decretare i piatti vincenti una giuria tecnica, formata da giornalisti, esperti e opinion leader, e una giuria popolare, composta dai visitatori della manifestazione che assaggia i piatti e vota il proprio preferito con palette numerate.

Girotonno Live Cooking

Ogni giorno i Girotonno Live Cooking daranno la possibilità di assistere dal vivo alla preparazione di ricette di tonno preparate in diretta da chef italiani e internazionali. Il pubblico in platea assiste alla preparazione delle ricette e poi avrà la possibilità di assaggiare i piatti. Tornano a Carloforte Filippo La Mantia, l’oste e cuoco siciliano più famoso d’Italia e Stefano De Gregorio, chef resident di Saporielab e componente della Compagnia degli chef, una selezione di chef che si adopera per la valorizzazione delle eccellenze territoriali e autore di una cucina fantasiosa e attenta ai dettagli. Presenza fissa del Girotonno è poi lo chef carlofortino Luigi Pomata, maestro nella cucina del tonno. Sul palco saliranno anche i sardi Achille Pinna e Roberto Serra e il maestro giapponese Haruo Ichikawa con Lorenzo Lavezzari. Il maestro Ichikawa si esibirà anche nella cerimonia tradizionale del taglio del tonno. A condurre gli appuntamenti sul palco Federico Quaranta, giornalista enogastronomico e conduttore televisivo italiano, affiancato dalla showgirl siciliana Eliana Chiavetta.



Booking.com

Girotonno Live Show

Ogni sera sul palco del Girotonno, al Campo Sportivo di Carloforte, grandi artisti italiani ed internazionali animerano le notti carlofortine con memorabili concerti di musica dal vivo. Gli spettacoli del Girotonno Live Show sono a pagamento.

Venerdì 23 giugno il palco è di Nek, un artista di fama internazionale con milioni di dischi venduti nel mondo. Il suo “Unici in Tour” sarà al Girotonno per fare cantare il pubblico della rassegna con i successi dell’ultimo album di inediti “Unici”, uscito quest’autunno ed entrato subito ai vertici delle classifiche. L’album contiene il singolo “Differente”, attualmente tra i brani più trasmessi dalle radio italiane e le hit degli scorsi mesi “Uno di questi giorni” e la titletrack “Unici”. Sul palco Nek regalerà al pubblico, con la sua straordinaria energia, le note degli indimenticabili successi dei suoi 25 anni di carriera e i brani del suo nuovo album.

Sabato 24 giugno sarà il turno di Fiorella Mannoia che farà tappa a Carloforte con il suo “Combattente tour” che prende il nome dall’ultimo album della cantautrice, già certificato Platino. Nel live che la vedrà protagonista al Girotonno l’artista, accompagnata dalla sua band, proporrà i brani più nuovi dell’album tra cui il più celebre “Che sia benedetta”, presentato a Sanremo, insieme ai suoi più grandi successi per una scaletta che sarà come sempre ricca di momenti intensi ed emozionanti.

Girotonno Tuna Village

Sulla banchina Mamma Mahon ogni giorno sarà possibile degustare i piatti tipici del territorio. Il ticket di 15€ può essere acquistato presso le biglietterie del Tuna Village. Grande protagonista sua maestà il tonno, proposto in tantissime ricette assieme ad alcuni piatti tipici carlofortini. Il ticket per la degustazione costa 15 euro e comprende pasta al forno e cus cus, tonno al Carignano, spezzatino di tonno, tonno alla carlofortina, gelato, pane e una bevanda a scelta tra vino, birra e acqua.

Per scoprire il programma completo della manifestazione visitate la pagina ufficiale con gli ultimi aggiornamenti: Programma Girotonno 2017

Girotonno: dal 22 al 25 giugno 2017 a Carloforte

Girotonno: dal 22 al 25 giugno 2017 a Carloforte

Il tonno, il corridore dei mari

La pesca del tonno a Carloforte si realizza con le reti secondo una pratica utilizzata in Sardegna già da Fenici, Romani e perfezionata nel Quattrocento dagli Spagnoli. La mattanza è un vero e proprio rituale strategico, una battaglia che si combatte in mare tra uomo e animale, nei mesi da aprile a giugno. Inizia con una preghiera propiziatoria dei tonnarotti (circa una quarantina) indirizzata alla Madonna e con un Credo dedicato allo Spirito Santo affinché giunga la Provvidenza e “na bugna pesca”, una pesca ricca del tonno prelibato di queste zone: il Thunnus thynnus (tonno rosso), il più pregiato del Mediterraneo e l’unico che ancora oggi viene pescato secondo le regole di un’antica tradizione, lunga cinquecento anni, quello della pesca di mattanza.

La tonnara a Carloforte è oggi l’unica ancora attiva nel Mediterraneo e, sin dall’Ottocento, pesca e lavora secondo metodi artigianali i cosiddetti “tonni di corsa”, dalle carne rossa e grassa. I pesci arrivano in grandi banchi dall’Atlantico per depositare le uova in un ambiente più caldo (temperatura superficiale tra i 22-23 gradi). Il muoversi in gruppo rende dunque le loro rotte facilmente prevedibili. I tonni, che si trovano in alto mare, vengono perciò costretti a entrare nella prima “grande camera”. A questo punto, non essendo in grado di tornare indietro, si perdono nelle camere vicine, disposte in fila e comunicanti fra loro per mezzo di porte costituite da un sistema di reti fisse. Quando il rais (il capo della tonnara) ritiene che il numero di tonni presente sia sufficiente, se le condizioni meteorologiche sono favorevoli, dalla sua piccola barca, la “musciara”, fornisce le istruzioni necessarie perché i tonni vengano indotti ad entrare nella “camera della morte”, dove restano inevitabilmente intrappolati.

Questi poderosi predatori pelagici si caratterizzano per il colore blu-nerastro sulle parti superiori (ecco sono noti anche con il nome Bluefin Tuna), grigiastro con macchie argentee sulle laterali, biancastro sulla regione inferiore. Le loro carni, dalle elevate caratteristiche nutritive, sono invece rosse per via del sistema dei vasi sanguigni particolarmente sviluppati nella pelle e nei muscoli laterali del tronco. Frequentano soprattutto le acque al largo e si avvicinano alle coste solo in determinati periodi, come avviene ad esempio durante la riproduzione. La temperatura elevata delle acque del Mediterraneo infatti sviluppa le ghiandole sessuali degli animali che, proprio in questo ambiente, durante il periodo estivo, depositano le loro uova.

Il tonno rosso è particolarmente apprezzato dagli chef di tutto il mondo e in particolare in Giappone, ogni anno, si consumano all’incirca tre quarti di tutto il pescato mondiale di questa specie, purtroppo in via di estinzione. Non a caso il Parlamento Europeo ha approvato un regolamento a protezione di questa particolare specie di tonno assegnando ad ogni paese membro una quota di cattura per evitare un eccessivo prelievo di esemplari e per scongiurare così il pericolo di estinzione della specie.

Per maggiori informazioni:

Dove si trova Carloforte:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *