Autunno in Barbagia 2017 a Ollolai – Sabato 25 e domenica 26 novembre

Sabato 25 e domenica 26 novembre 2017 torna l’appuntamento con l’edizione 2017 di Autunno in Barbagia, la manifestazione itinerante grazie alla quale tanti visitatori potranno scoprire il cuore della Sardegna. Uno dei due appuntamenti in programma in questo weekend è quello di Ollolai, un piccolo borgo in provincia di Nuoro che è anche il centro principale dell’omonima Barbagia di Ollolai. Per due giorni gli abitanti di Ollolai apriranno le porte delle proprie case ai visitatori che potranno andare alla scoperta della storia, della cultura, dell’enogastronomia e delle più autentiche tradizioni di questo piccolo borgo barbaricino. Per l’occasione la manifestazione prenderà il nome di “Impara s’arte“.

Ollolai è un paese di circa 1.300 abitanti che sorge a circa 1000 metri di altitudine sul monte San Basilio, circondato dalla macchia mediterranea. Quercia, tasso, pero selvatico, elce, erica scoparia, agrifoglio ricoprono il monte su cui venne eretta la chiesa bizantina di San Basilio Magno, dove si possono ancora vedere i resti dell’antico convento francescano che fu teatro della leggenda della maledizione dei frati. L’aria pura e la ricchezza delle sorgenti incontaminate hanno contribuito a conservare querce e lecci secolari, monumenti naturali che testimoniano una natura ancora intatta. In questa nicchia ecologica vivono diverse specie di rapaci, cinghiali, volpi e martore.

La storia di Ollolai è molto antica e ricca di leggende divenute ormai patrimonio dei suoi abitanti. I primi segni di vita sono stati scoperti sul Monte San Basilio e risalgono alla preistoria, in particolare al periodo del Neolitico medio. Secondo i racconti, il paese sarebbe stato la residenza di Ospitone, il re dei barbaricini. Nel periodo medievale Ollolai è tra i paesi che combatterono per il Giudicato d’Arborea contro gli aragonesi. Dopo la pace del 1388 tra Eleonora D’Arborea e Giovanni d’Aragona, Ollolai rimase legato alla dinastia sarda, entrando tra i feudi del marchese d’Oristano Leonardo Alagon. Fu lo stesso marchese a concedere ai frati francescani la fondazione di un convento. La storia del centro si lega ancora una volta ad una leggenda che narra della “disamistade” (faida) tra due importanti casate, i Ladu e gli Arbau. Le lotte tra le due famiglie portarono alla persecuzione dei francescani che furono costretti ad andare via nel 1490 lanciando una maledizione che, secondo i racconti degli anziani, provocò un violento incendio che distrusse gran parte dell’abitato.

Esplorando il territorio intorno al paese si possono scorgere i resti dell’antica civiltà sarda, di cui si conservano tracce nei nuraghi di Loai, Talaighe, Legunnoro e Palai. Lungo le vie del centro si affacciano invece le tipiche case a due piani costruite con conci in pietra, spesso in granito. Nella piazza principale del paese si trova la chiesa parrocchiale dedicata a San Michele, al cui interno si conservano tracce dell’edificio originario realizzato in stile gotico aragonese e dove si possono inoltre ammirare alcune tavole del pittore Carmelo Floris. L’artista ha trascorso la sua gioventù ad Ollolai dedicando molte sue opere alle scene di vita quotidiana e alle feste; sono famosi i suoi ritratti alle donne ollolaesi dipinte con i loro splendidi abiti tradizionali.

Tra le altre produzioni tipiche spicca quella dei cestini di asfodelo : l’abilità delle maestre cestinaie di Ollolai è rinomata in tutta l’Isola. Per testimoniare questa importante produzione è stata istituita la Mostra Storica de s’iscrarionzu , un museo dedicato all’intreccio e a tutte le fasi della lavorazione dell’asfodelo in piazza Marconi. Nelle numerose feste che scandiscono il passaggio del tempo è possibile assistere agli incontri di un’ antichissima lotta che dal 1995 è entrata nella federazione delle lotte celtiche: s’istrumpa .  Questa disciplina risalirebbe al periodo nuragico come testimoniato da alcuni bronzetti dell’epoca: si tratta di uno scontro corpo a corpo in cui i lottatori, denominati gherradores, devono stringersi in una precisa posizione delle braccia e cercare di far toccare terra alle spalle dell’avversario.

Per maggiori informazioni sul paese di Ollolai visitate la pagina ad esso dedicata sul sito ufficiale della manifestazione: Ollolai – Cuore della Sardegna

Autunno in Barbagia 2017 a Ollolai – Sabato 25 e domenica 26 novembre

Autunno in Barbagia 2017 a Ollolai – Sabato 25 e domenica 26 novembre

Ecco qua il programma di Autunno in Barbagia 2017 ad Ollolai:

 

 

Sabato 25 e domenica 26 novembre 2017

Ore 9.00 – Visite guidate del centro storico del paese, delle chiese e delle fontane, a cura della Pro Loco di Ollolai, Info Point presso Piazza Marconi

Ore 10.00 – “In cazentu”, accensione dei fuochi al centro delle piazze, a cura delle Associazioni Ambientali di Ollolai, presso Piazza Marconi e Piazza Sant’Antonio.

Dalle ore 10.00 alle 13.00 – Apertura del circuito regionale “In nome del pane”, a cura della Pro Loco di Ollolai:

  • dimostrazione sulla lavorazione delle “panadas” nel forno a legna, presso via Eleonora d’Arborea 1
  • dimostrazione sulla lavorazione del pane carasau nel forno a legna, presso via Regina Fontium 30

Dalle ore 13.00 alle 15.00 – “S’iscraria”, lavorazione dell’asfodelo e creazione di cestini e corbule in asfodelo secondo l’antica tradizione artigiana, a cura di Sandra Cottu, presso via Satta 77

Dalle ore 13.00 alle 15.00 – “Ricamande”, lavorazione e confezionamento dell’abito tradizionale di Ollolai, con dimostrazione a cura di Antioca Frau, presso via Satta 75

Dalle ore 15.00 alle 18.00 – Circuito regionale “Nel nome del pane”, a cura della Pro Loco di Ollolai:

  • dimostrazione sulla lavorazione delle “panadas” nel forno a legna, presso via Eleonora d’Arborea 1
  • dimostrazione sulla lavorazione del pane carasau nel forno a legna, presso via Regina Fontium 30
  • dimostrazione della lavorazione del pane tipico, presso via Cavour 6

Dalle ore 15.00 alle 18.00 – Esibizione di canti a tenores itineranti all’interno delle cortes, a cura del Tenore Ospitone di Ollolai

Dalle ore 17.00 alle 19.00 – “S’iscraria”, lavorazione dell’asfodelo e creazione di cestini e corbule in asfodelo secondo l’antica tradizione artigiana, a cura di Sandra Cottu, presso via Satta 77

Dalle ore 17.00 alle 19.00 – “Ricamande”, lavorazione e confezionamento dell’abito tradizionale di Ollolai, con dimostrazione a cura di Antioca Frau, presso via Satta 75

Sabato 25 novembre 2017

Ore 11.30 – Inaugurazione ufficiale del Planetario Astronomico, in via Ospitone

Ore 15.00 – “S’isposa”, vestizione del costume tradizionale da sposa con descrizione del costume, dei gioielli, degli amuleti e del loro significato, a cura del gruppo folk “Balladores”, presso via Satta 79

Ore 15.00 – Ludobus e laboratorio interculturale: i ragazzi si confrontano con altre culture attraverso lo scambio di letture e giochi. Evento a cura della Cooperativa Sociale “Il Sicomoro”, con la partecipazione di minori stranieri non accompagnati, presso Piazza Marconi

Ore 16.00 – Dimostrazione dell’antica lotta sarda de “S’istrumpa”, a cura dell’Associazione “S’istrumpa”, presso l’ex Asilo Parrocchiale in via Repubblica

Ore 17.00 – Esibizione del Tenore Ospitone di Ollolai, presso la Chiesa di Sant’Antonio

Ore 17.00 – Convegno “In nome del pane”, presso la Sala Consiliare “Sig.ra Leanda” in via Mazzini 2:

  • saluti di Efisio Arbau, Sindaco di Ollolai, Pier Paolo Soro, Presidente Pro Loco di Ollolai e Maria Laura Ghisu, Assessore alla Cultura del Comune di Ollolai;
  • interventi di Carlo Delfino, “In nome del pane”, Tonino Bussu, “Salude e trigu” e Bachisio Bandinu, antropologo, giornalista e scrittore;
  • conclusioni di Barbara Argiolas, Assessore Regionale al Turismo, Artigianato e Commercio della Regione Autonoma della Sardegna

Ore 24.00 – “Ballamus in cortes”, serata danzante a cura della Pro Loco di Ollolai, presso la sala da ballo Pro loco in via Taloro 55

Domenica 26 novembre 2017

Ore 10.00 – “Fiore sardo”, dimostrazione della lavorazione del formaggio “Fiore sardo” e dei prodotti caseari della tradizione barbaricina, a cura di Michele Bussu, presso Piazza Marconi

Ore 11.00 – Dimostrazione dell’antica lotta sarda de “S’istrumpa”, a cura dell’Associazione “S’istrumpa”, presso l’ex Asilo Parrocchiale in via Repubblica

Ore 11.00 – Ludobus e laboratorio interculturale: i ragazzi si confrontano con altre culture attraverso lo scambio di letture e giochi. Evento a cura della Cooperativa Sociale “Il Sicomoro”, con la partecipazione di minori stranieri non accompagnati, presso Piazza Marconi

Ore 12.00 – “S’isposa”, vestizione del costume tradizionale da sposa con descrizione del costume, dei gioielli, degli amuleti e del loro significato, a cura del gruppo folk “Balladores”, presso via Satta 79

Ore 15.00 – “A ballu tundu”, musica e balli in piazza con il gruppo “Sos Oriundos”, presso Piazza Marconi

Ore 16.00 – Dimostrazione dell’antica lotta sarda de “S’istrumpa”, a cura dell’Associazione “S’istrumpa”, presso l’ex Asilo Parrocchiale in via Repubblica

Ore 17.00 – Laboratorio di canto a tenore diretto dal Prof. Sebastiano Pilosu (etnomusicologo), con il Tenore “Cuccuru ‘e luna” di Torpè ed il Tenore Ospitone di Ollolai. Evento a cura dell’Associazione Tenores Sardegna, presso Sa Domo de su Tenore in via Cavour 2

Esposizioni, mostre ed eventi

  • Mostra storica de “S’Iscraria”: antichi manufatti in asfodelo, a cura della Pro Loco di Ollolai, presso Sa Domo de s’Iscraria in Piazza Marconi – Sabato e domenica dalle 9.00 alle 19.00
  • Esposizione di costumi e maschere tradizionali, a cura del gruppo folk “Balladores”, presso via Satta 79 – Sabato e domenica dalle 9.00 alle 19.00
  • “S’Accabadora”: installazione sull’antica figura de “s’Accabadora”, a cura del gruppo folk “Balladores”, presso via Satta 79 – Sabato e domenica dalle 9.00 alle 19.00
  • Sa Domo de su Tenore: esposizione di materiale storico e didattico sul canto a tenore, a cura dell’Associazione Tenores Sardegna, presso via Cavour 2 – Sabato e domenica dalle 9.00 alle 19.00
  • Mostra flora e fauna della Sardegna, a cura dell’ente Fo.Re.S.T.A.S., presso il saloncino parrocchiale in Piazza Marconi – Sabato e domenica dalle 9.00 alle 19.00
  • Esposizione Eco 3R, ditta specializzata nella disinfestazione e nel restauro di beni archivistici e librari, presso via Barbagia 61 – Sabato e domenica dalle 9.00 alle 19.00
  • “Come eravamo”: la storia, i mestieri e i volti di Ollolai attraverso la proiezione di foto e video, a cura del Comune di Ollolai, presso la Chiesa di Sant’Antonio Sabato e domenica dalle 9.00 alle 19.00
  • “Case a 1 euro”: viaggio attraverso foto e video nel progetto sperimentale e innovativo che vuole combattere lo spopolamento, a cura di Antonio Sanna, presso la Sala Consiliare “Sig.ra Leanda” in via Mazzini 2 – Sabato e domenica dalle 9.00 alle 19.00
  • “Ti leggo un libro. Un appuntamento popolare di lettura a voce alta”: i volontari della lettura ci leggeranno passi dai loro libri preferiti nei vari scorci del paese. Chiunque può partecipare; per informazioni consultare il sito del Comune di Ollolai. Evento a cura del Comune di Ollolai – Sabato e domenica dalle 9.00 alle 19.00
  • “Ollolai sotto le stelle”: all’interno della struttura del planetario si potrà contemplare la volta celeste e scoprirne tutti i segreti. Evento a cura dell’Associazione Ogliastrina di Astronomia, presso il Planetario Astronomico in via Ospitone – Sabato 25 ore 15.00 e ore 17.00, domenica 26 ore 10.00, ore 12.00, ore 15.00 e ore 17.00.

Corsi di immersione nella cultura del pastoralismo

Tutti i corsi si svolgeranno nelle giornate del 25 e 26 novembre, con lezioni dalle ore 10.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 17.00. Il costo per due lezioni è di € 10; per informazioni consultare il sito del Comune di Ollolai.

1) Formaggio: lavorare il latte e imparare a fare il formaggio “Fiore sardo” ed i prodotti caseari della tradizione barbaricina, presso via Cavour 6

2) Cestini: lavorare l’asfodelo e imparare l’arte dell’intreccio e de “s’iscrarionzu”, presso via Satta 77

3) Pasta fresca: lavorare la pasta fresca e imparare a fare “sos culurzones” e “sas savadas”, presso via Riu Mannu 19

4) Costume: lavorare e confezionare l’abito tradizionale di Ollolai, presso via Satta 75

5) Pelli: lavorare le pelli attraverso la conciatura tradizionale, presso vico San Bartolomeo

Escursioni

Passeggiata a piedi a San Basilio: un’immersione nel patrimonio storico, archeologico, culturale e naturalistico del Parco di San Basilio. Percorso guidato di circa due ore a cura dei soci del CAI – sabato 25 ore 9.30, con incontro in Piazza Marconi

Servizio navetta Ollolai – San Basilio: giro turistico guidato del Parco di San Basilio, con partenza da via Riu Mannu (biglietteria presso Bar Ristorante Azzurra) dalle ore 10 ogni 30 minuti, a cura dell’Associazione Barbagia Rally.

Escursione in MTB: il percorso si articolerà tra il bellissimo centro storico e i magnifici sentieri dei boschi del paese e in particolare sul Parco di San Basilio a più di 1000 metri di altezza, dove sarà anche possibile salire a “Sa Punta Manna” a 1130 metri con un panorama da togliere il fiato – domenica 26 ore 8, con ritrovo presso il Campo Sportivo Comunale, a cura dell’Associazione MTB Ollolai. Tutte le informazioni al numero 340/0930929 o sulla pagina Facebook MTB Ollolai.

Info

Info Point dalle ore 9 alle 20 presso Sa Domo de S’Iscraria in Piazza Marconi e presso la Chiesa di Sant’Antonio, a cura della Pro Loco di Ollolai

Contatti siti web: www.comune.ollolai.nu.it ; www.prolocoollolai.it

Dove si trova Ollolai:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *