Agendablu 2018: il Comune di Arzachena lancia un progetto per la difesa dell’ambiente

Oggi vogliamo parlarvi di Agendablu, un progetto per la difesa dell’ambiente molto interessante lanciato dal Comune di Arzachena. Il programma di Agendablu prevede 5 giornate in cui verranno concentrare le azioni di volontari, fondazioni, singoli e associazioni, con lo scopo di portare degli interventi mirati, coordinati e assistiti dal settore Ambiente del Comune e finalizzati alla pulizia dei litorali tra gli 80 chilometri di fascia costiera, da Cannigione alla Costa Smeralda. Grazie ad Agendablu sarà possibile intervenire in luoghi spesso difficili da raggiungere con mezzi meccanici e che richiedono interventi manuali.

Il primo appuntamento di Agendablu è previsto per questo fine settimana. Sabato 26 e domenica 27 maggio 2018 ci saranno i primi due appuntamenti sostenuti dal WWF con la partecipazione di Legambiente in occasione dei Greendays organizzati dall’associazione Velapuliamo.

Roberto Ragnedda, sindaco di Arzachena, è molto soddisfatto per il progetto. Ecco le sue dichiarazioni: “Siamo fortemente impegnati sul fronte della sensibilizzazione al tema della salvaguardia dell’ambiente e dei nostri mari. Dallo scorso anno abbiamo avviato una collaborazione permanente con associazioni ed enti che si occupano di argomenti così delicati. L’obiettivo è di creare un calendario unico di iniziative con cadenza annuale per far sì che gli sforzi profusi da tanti volontari portino risultati tangibili, partendo dal coinvolgimento delle scuole per plasmare una forte coscienza ambientale nelle nuove generazioni”.

Gli appuntamenti dell’Agendablu 2018

I primi due appuntamenti con Agendablu sono quelli di sabato 26 e domenica 27 maggio 2018. Entrambi sono sostenuti dal WWF e vedranno la partecipazione di Legambiente in occasione dei Greendays organizzati dall’associazione Velapuliamo, che nelle due giornate mette a disposizione due barche a vela, che partiranno alle 9.30 dal porto di Cannigione. Sabato 26 maggio l’arrivo delle barche è previsto nella baia di Liscia Ruia (disponibili 30 posti a bordo). Domenica 27 maggio la zona interessata è il golfo di Arzachena (disponibili 40 posti a bordo).

Il terzo appuntamento è quello di venerdì 8 giugno 2018 ed è ideato dallo Yacht Club Costa Smeralda in sinergia con la Fondazione One Ocean in concomitanza con la Giornata mondiale degli oceani. Il progetto coinvolge i bambini delle scuole primarie di Arzachena, Cannigione e Abbiadori nella pulizia del litorale di Baia Sardinia. All’arrivo alle ore 9.00 nella spiaggia di Tre Monti il CNR di Oristano terrà una breve lezione educativo-informativa sull’inquinamento ambientale. La manifestazione è aperta a chiunque voglia contribuire attivamente, nel proprio piccolo, alla salvaguardia dei mari.

Gli ultimi due appuntamenti organizzati dal Comune con altri importanti partner si svolgeranno in autunno, precisamente venerdì 12 ottobre e venerdì 9 novembre. Le date sono state programmate al termine della stagione balneare per fare il punto di ciò che resta sulle nostre spiagge dopo l’estate.

Agendablu 2018: il Comune di Arzachena lancia un progetto per la difesa dell’ambiente

Agendablu 2018

I commenti su Agendablu 2018

Il delegato all’Ambiente Michele Occhioni e l’assessore al Demanio Alessandro Careddu, promotori dell’iniziativa, dichiarano “L’opinione pubblica finalmente prende coscienza dei rischi dell’inquinamento globale e locale derivante da plastiche e rifiuti in mare. Riceviamo segnalazioni e richieste di intervento di singoli o gruppi auto-organizzati che desiderano dare il loro apporto per la pulizia degli arenili.  Attenzione però, agire da soli può essere controproducente. Per questo il Comune coordina e sostiene le diverse iniziative allo scopo di rafforzarne l’efficacia e garantire piena sicurezza agli attivisti nel rispetto di leggi e regolamenti in materia di raccolta e trasporto dei rifiuti”.

Giovanni Boetti, presidente dell’associazione Velapuliamo, ha dichiarato: “Durante i Velapuliamo green days viaggeremo in barca a vela per rimuovere dalle zone costiere il marine litter accumulatosi durante l’inverno. A bordo si parlerà di ambiente. E’ un aiuto concreto all’Amministrazione pubblica, ma i Green days vogliono anche essere strumento divulgativo della bellezza e della fragilità delle nostre coste. E inoltre un’occasione per scoprire il piacere della navigazione a vela. L’iniziativa è gratuita e non ha scopo di lucro. Chiunque può unirsi a noi con altre barche”.

Per maggiori informazioni su Agendablu 2018

Ecco qua di seguito il manifesto di Velapuliamo Green Days

Velapuliamo Green Days

Velapuliamo Green Days

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.