Autunno in Barbagia a Dorgali – Dal 16 al 18 settembre 2016

Nel prossimo weekend si svolgerà la terza tappa dell’edizione 2016 di Autunno in Barbagia, la manifestazione itinerante che è una vera e propria una vetrina promozionale dell’interno della Sardegna, attenta custode di saperi e sapori di indiscusso valore, volta a promuovere le eccellenze produttive e le tradizioni materiali e immateriali dei popoli che vi abitano. Dal 16 al 18 settembre 2016 la manifestazione sarà ospitata dal paese di Dorgali, dove gli abitanti di questo bellissimo borgo barbaricino apriranno i cortili delle proprie abitazioni accompagnando i visitatori in un viaggio enogastronomico ed artistico. Per l’occasione la manifestazione prenderà il nome di Fachende zoigas.

468x80 Beach

Fachende zoigas è un’antica espressione che, riferendosi alla complessa e minuziosa lavorazione orafa del gioiello tradizionale dorgalese, allude alle qualità che da sempre contraddistinguono gli artigiani del paese: precisione, accuratezza ed attenzione ai piccoli dettagli.

Dorgali sorge alle pendici di una montagna ricca di boschi, guarda le valli coltivate a viti ed ulivi al confine con gli aspri paesaggi del Supramonte. Sull’altro versante della montagna la frazione di Cala Gonone si affaccia ad est sul golfo di Orosei. È una località turistica rinomata e contemporaneamente legata alle antiche tradizioni, alle arti, alla creatività, all’artigianato. Sapere e fantasia si ritrovano nei laboratori artigiani specializzati in differenti lavorazioni quali filigrana, ceramica, tappeti, pelle, coltelli, legno e hanno un’elegante dimora nelle vetrine delle botteghe che si affacciano sulle vie principali del paese. Durante Autunno in Barbagia sono previsti itinerari e percorsi guidati tra storia e leggende paesane, oltre 50 corti dei maestri artigiani e specialità enogastronomiche per scoprire e gustare l’autentica tradizione dorgalese.

La nascita del centro di Dorgali è avvolta da un’aura mitologica: secondo alcune leggende il nome ricorda quello del suo fondatore, unsaraceno di nome Drugàl. Secondo altri racconti i suoi primi abitanti erano fenici che si spostarono dal loro originario insediamento sulla costa, nei pressi di Fuili, stanchi dei continui attacchi provenienti dal mare, e dopo aver attraversato il Monte Bardia (‘guardia’) si stabilirono nella località detta Isportana, che nella variante locale significa ‘arrivano’. I siti archeologi disseminati in tutto il territorio dimostrano che l’area era abitata fin dalla preistoria. Le civiltà che vissero in queste terre hanno lasciato in eredità spettacolari monumenti (domus de janas, dolmen, villaggi nuragici, nuraghi, pozzi sacri, tombe di giganti).Tra i più suggestivi siti dell’età del Bronzo vi sono il complesso nuragico di Serra Orrios e l’insediamento costruito in una dolina all’interno del Monte Tiscali. L’esistenza dell’attuale centro abitato già in età bizantina è documentata dalla dedica dell’antica parrocchiale ai santi Cornelio e Cipriano, martiri venerati nel culto orientale, e dal ritrovamento del diploma militare di un soldato bizantino.

Tra mare cristallino e montagne lussureggianti il territorio di Dorgali offre un’eccezionale varietà di paesaggi e attrazioni tra cui le famosissime Grotte del bue marino. Inseriti tra le affascinanti falesie che si immergono sul Golfo di Orosei, questi antri custodiscono straordinari paesaggi sotterranei in cui sono ancora visibili antichissime incisioni che raffigurano uomini danzanti e dove, fino alla fine del Novecento, viveva una colonia di foche monache (da cui il nome del sito), oggi protetta perché a forte rischio di estinzione. Verso la costa si incontrano gli affascinanti canyon di Codula Fuili, che conduce alla graziosa caletta Fuili caratterizzata dalle bianche e levigate pietre che ricoprono il lido e, più a sud al confine con il comune di Baunei, Codula di Luna da cui si giunge alla celebre spiaggia Cala Luna che per la sua bellezza è stata più volte scelta come set di molti film. Le codule, formate dall’erosione dei torrenti, sono meta di molti appassionati di trekking e torrentismo. Le ripide pareti calcaree sono impreziosite dalla fioritura di oleandri e specie endemiche.

Nel corso del Novecento Dorgali è divenuta una delle mete turistiche più ambite dell’Isola grazie alle straordinarie bellezze del suo territorio.

Per maggiori informazioni sul paese di Dorgali visitate il sito ufficiale dedicato al paese barbaricino sul sito ufficiale della manifestazione: Dorgali – Cuore della Sardegna

Autunno in Barbagia a Dorgali - Dal 16 al 18 settembre 2016

Autunno in Barbagia a Dorgali – Dal 16 al 18 settembre 2016

Ecco qua di seguito il programma completo della manifestazione:

VENERDÌ 16 SETTEMBRE 2016

ORE 18:30 Presentazione della manifestazione e delle cortes, delle mostre, degli eventi e degli itinerari storico-religiosi ed enogastronomici, con la partecipazione dei rappresentanti dell’Amministrazione Comunale.
– Sala Consiliare, corso Umberto, 37
ORE 21:30 Concerto in piazza della band The Well. A cura del Comitato San Giuseppe, leva ‘87.
– Su Ponte, via Lamarmora, angolo corso Umberto

SABATO 17 SETTEMBRE 2016

ORE 10 Apertura delle cortes.
ORE 10 S’impannu longu, le nonne raccontano. Per i ragazzi delle scuole medie.
– Corte de Sos Monnes, via Cerere
ORE 11 E 12 Animazione di arti e mestieri. Molitura del grano con la mola asinaria.
– Parco Museo S’Abba Frisca, strada Cartoe
DALLE ORE 15 ALLE 22 Arrampicate sul Monte Bardia. Atta Park Parco Avventura Pineta.
– Via Fermi
ORE 19 Degustazioni guidate dei vini della Cantina con sommelier AIS.
– Corte Fancello, corso Umberto
DALLE ORE 23 Intrattenimento musicale e DJ set, a cura della Leva ‘87.

DOMENICA 18 SETTEMBRE 2016

ORE 10 Apertura delle cortes.
DALLE ORE 10 Ritratti di Cortes. Gara di pittura estemporanea – premio centenario Salvatore Fancello: un’occasione unica per ritrarre e dipingere soggetti e scorci all’interno del paese, in un contesto di ritrovata cultura e tradizione.
– Itinerante
ORE 11 E 12 Animazione di arti e mestieri. Molitura del grano con la mola asinaria.
– Parco Museo S’Abba Frisca, strada Cartoe
ORE 11 Esposizione di motori d’epoca.
– Corso Umberto
DALLE ORE 12 ALLE 18 Annullo filatelico celebrativo per l’artista dorgalese Salvatore Fancello.
– Biblioteca, corso Umberto
DALLE ORE 15 ALLE 22 Arrampicate sul Monte Bardia. Atta Park Parco Avventura Pineta.
– Via Fermi
DALLE ORE 16:30 Seguendo la tradizione: le vie del paese risuoneranno dei ritmi del tipico ballo sardo locale e delle calde melodie delle launeddas con suonatori itineranti.
– Lungo il percorso delle cortes.
DALLE ORE 21 Intrattenimento musicale con i tradizionali balli in piazza.
– Piazza Asproni (Su Cucuru)

SABATO 17 E DOMENICA 18 SETTEMBRE

DALLE ORE 10 Apertura delle cortes: gli artigiani dorgalesi daranno dimostrazione della loro maestria nella lavorazione artistica e artigianale del cuoio, nella tessitura dei tappeti, nell’intaglio del legno, nella creazione dei coltelli, nell’arte orafa della filigrana, nella tornitura e decorazione della ceramica, nella preparazione del pane e dei prodotti dolciari e gastronomici della tradizione dorgalese. L’accoglienza in costume tradizionale dorgalese darà, come sempre, il benvenuto ai visitatori a questa edizione di Autunno in Barbagia; musiche e canti dei Cori Prama ‘e Seda, Tiscali, Istelotte, Ilune, Perosi e dei tenores accompagneranno i visitatori delle cortes

MOSTRE ED ESPOSIZIONI ARTISTICHE

Mostra Caras, volti e leggende di Sardegna, a cura di Roberto Serri.
– Corte Palitta, via Michelangelo

Mostra di pittura Sulcalis – Magia e poesia del vino nell’arte.
– Via Lamarmora, 100

Mostra di pittura I colori della tradizione, Antonio Fancello.
– Casa Dettori, via Lamarmora, 91

Mostra fotografica Immagini antiche dell’800 e ‘900, Candida Monni.
– Via V. Emanuele

Mostra fotografica Paesaggi solarizzati,Mauro Spanu.
– Via Lamarmora, 197

Mostra Zimusas e froccos, il vestito tradizionale dorgalese. Ass.to alla Cultura in collaborazione con l’Univ. della terza età.
– Sala Consiliare, corso Umberto, 37

Esposizione di antichi costumi tradizionali a cura di Antonella e Francesca.
– Casa Macciotta, via V. Emanuele

Mostra di reperti di guerra nella vecchia falegnameria dorgalese di Ciriaco Arras.
– Via Gonare, 35

Mostra delle ceramiche di tziu Totoi Enu.
– Via Lamarmora, 97

Mostra di coltelli artigianali Coltelligioiello, Ivan Pira.
– Via Lamarmora, 151

Esposizione di motori d’epoca.
– Corso Umberto (domenica 18)

Per maggiori informazioni sulla manifestazione è possibile contattare il comune di Dorgali all’indirizzo mail turismo@comune.dorgali.nu.it

Dove si trova Dorgali:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *